Salta al contenuto principale
Guinness Six Nations: le squadre del terzo turno

Partners

Guinness Six Nations: le squadre del terzo turno

Paolo Garbisi

Il conto alla rovescia per la ripresa del Guinness Sei Nazioni 2021 è quasi terminato, con il terzo round che promette un sacco di brividi ed emozioni nei due succulenti match di sabato pomeriggio.

Dopo la prima settimana di riposo del Campionato di quest’anno, l’Italia e l’Irlanda danno il via all’inizio della partita, con entrambe le squadre che desiderano una vittoria a Roma per dare il via alle rispettive campagne. Quindi, i vincitori del Grande Slam 2019 del Galles cercheranno di estendere il loro inizio perfetto finora quest’anno quando ospiteranno i campioni in carica dell’Inghilterra, che non vedranno l’ora di rimanere in contatto con i loro padroni di casa verso la vetta della classifica con una vittoria. Con ogni nazione che lotta per la gloria del Guinness Sei Nazioni, ecco come si schiereranno dall’inizio le quattro squadre in gara di questo fine settimana.

Italia-Irlanda, Stadio Olimpico, KO 15:15
Sabato Il boss dell’Italia Franco Smith ha nominato un XV titolare invariato in vista dello scontro casalingo contro l’Irlanda, dopo la sconfitta per 41-18 contro l’Inghilterra nel secondo round.

Italia: 15. Jacopo Trulla, 14. Luca Sperandio, 13. Juan Ignacio Brex, 12. Carlo Canna, 11. Montanna Ioane, 10. Paolo Garbisi, 9. Stephen Varney; 1. Andrea Lovotti, 2. Luca Bigi (c), 3. Marco Riccioni, 4. Marco Lazzaroni, 5. David Sisi, 6. Sebastian Negri, 7. Johan Meyer, 8. Michele Lamaro
Sostituzioni: 16. Gianmarco Lucchesi, 17. Cherif Traore, 18. Giosuè Zilocchi, 19. Niccolò Cannone, 20. Maxime Mbanda, 21. Callum Braley, 22. Federico Mori, 23 Mattia Bellini

Johnny Sexton ritorna al capitano dell’Irlanda come una delle sette modifiche apportate dall’allenatore Andy Farrell, con Jordan Larmour, Dave Kilcoyne, Ronan Kelleher, Tadhg Furlong, James Ryan e Will Connors.

Irlanda: 15. Hugo Keenan, 14. Jordan Larmour, 13. Garry Ringrose, 12. Robbie Henshaw, 11. James Lowe, 10. Jonathan Sexton (c), 9. Jamison Gibson Park; 1. Dave Kilcoyne, 2. Ronan Kelleher, 3. Tadhg Furlong, 4. Iain Henderson, 5. James Ryan, 6. Tadhg Beirne, 7. Will Connors, 8. CJ Stander
Sostituzioni: 16. Rob Herring, 17. Cian Healy, 18. Andrew Porter, 19. Ryan Baird, 20. Jack Conan, 21. Craig Casey, 22. Billy Burns, 23. Keith Earls

Galles v Inghilterra, Principality Stadium, KO 17:45
Sabato George North diventerà il giocatore più giovane della storia a raggiungere 100 presenze nei test per il suo paese dopo essere tornato nella squadra del Galles come uno dei cinque cambi per il match-up contro l’Inghilterra, mentre Jonathan Davies, Kieran Hardy, Josh Adams e Josh Navidi sono anche in fin dall’inizio.

Galles: 15. Liam Williams, 14. Louis Rees-Zammit, 13. George North, 12. Jonathan Davies, 11. Josh Adams, 10. Dan Biggar, 9. Kieran Hardy; 1. Wyn Jones, 2. Ken Owens, 3. Tomas Francis, 4. Adam Beard, 5. Alun Wyn Jones (c), 6. Josh Navidi, 7. Justin Tipuric, 8. Taulupe Faletau
Sostituzioni: 16. Elliot Dee, 17. Rhodri Jones, 18. Leon Brown, 19. Cory Hill, 20. James Botham, 21. Gareth Davies, 22. Callum Sheedy, 23. Willis Halaholo

Google Ads Manager – Leaderboard

Jamie George e Mark Wilson tornano alla formazione iniziale mentre Eddie Jones apporta due modifiche alla sua squadra inglese per la trasferta a Cardiff.

Inghilterra: 15. Elliot Daly, 14. Anthony Watson, 13. Henry Slade, 12. Owen Farrell (c), 11. Jonny May, 10. George Ford, 9. Ben Youngs; 1. Mako Vunipola, 2. Jamie George, 3. Kyle Sinckler, 4. Maro Itoje, 5. Jonny Hill, 6. Mark Wilson, 7. Tom Curry, 8. Billy Vunipola
Sostituzioni: 16. Luke Cowan-Dickie, 17. Ellis Genge, 18. Will Stuart, 19. Charlie Ewels, 20. George Martin, 21. Ben Earl, 22. Dan Robson, 23. Max Malins